Connexion Assises

Scarica l'invito a partecipare

"Plurilinguismo: tra diversità e universalità

Dalla prima conferenza europea sul plurilinguismo e dalla nascita dell'UEB nel 2005, abbiamo scoperto negli anni quanto sia vasto il campo del plurilinguismo per la ricerca inter, multi e transdisciplinare.

Ad ogni nuova edizione della conferenza, abbiamo cercato di rivisitare le varie questioni organizzandole non su base disciplinare, ma lungo quattro linee tematiche: educazione, questioni economiche e sociali, questioni culturali e politica nei suoi due aspetti nazionale e internazionale, e abbiamo cercato di dare priorità ad un particolare punto di vista in questi approcci plurali. Dopo Parigi e Berlino dedicate alla Carta europea del multilinguismo, a Roma è stato scelto ed esplorato il tema della frontiera, a Bruxelles quello della creatività e a Bucarest quello dello sviluppo sostenibile.

Per l'edizione del 2022, che si terrà a Cadice, in Spagna, vogliamo evidenziare le questioni profonde del plurilinguismo e le faglie concettuali, culturali, mentali, sociali e territoriali.

Qualsiasi esercizio che consiste nel rimescolare il mazzo ogni volta si scontra con una doppia insidia.

- Il primo rischio è quello di non riuscire ad abbracciare tutto, e quindi di tralasciare aspetti la cui importanza non è evidente a prima vista.

- L'altro rischio è quello di scremare tutto e di disperdersi rispetto a un argomento troppo vasto.

Il nostro obiettivo sarà quindi quello di rifiutare la ricerca di esaustività e di evidenziare le questioni fondamentali.

Non abbiamo intenzione di elencarli, ma solo di indicare alcune strade.

Cominciamo con l'aspetto a cui pensiamo meno, quello filosofico.

Il linguaggio e la lingua hanno avuto un posto di rilievo nella filosofia fin dall'Antichità.

Tuttavia, il problema della diversità linguistica è apparso con Leibniz, Vico e Humboldt.

Sono sempre state sollevate due questioni strettamente correlate: il legame tra la lingua e il "mondo reale", e la questione dell'universalità, che sembra unirsi alla "ricerca della lingua perfetta", che tende a essere confusa con la lingua unica e quindi il monolinguismo.

Tutto avviene come se la diversità e l'universalità fossero necessariamente e irriducibilmente opposte, e la diversità e l'universalità fossero i due estremi di un asse sul quale si potrebbero classificare le situazioni effettivamente osservate. E così avvicinarsi all'universale è sempre dalla parte dell'unità che si oppone alla singolarità. Sulla stessa linea, il plurilinguismo propende per la diversità, mentre il monolinguismo è quasi la meta da raggiungere in nome dell'universalità a cui aspiriamo.

Mettere il plurilinguismo e la diversità linguistica e culturale al centro dell'universale non è affatto scontato.

Se il mondo reale è un mondo fisico e finito, si suppone che tutte le lingue siano in grado di esprimerlo, e poiché tutte le lingue dicono la stessa cosa, basta una sola lingua per dire tutto. Questo è il fondamento del monolinguismo, con il corollario della guerra tra le lingue, ogni lingua pretendendo di essere la lingua scelta.

All'estremo opposto di questo punto di vista, offriamo ai lettori due citazioni.

In primo luogo, Picasso, che come artista ha prodotto questa dichiarazione molto filosofica: "Se ci fosse una sola verità, non si potrebbero fare cento quadri sullo stesso tema.

Poi il famoso aforisma di Wittgenstein, tratto dal Tractatus: "I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo".

È opportuno introdurre questo dibattito nella Conferenza? La questione per noi è se si tratta di una questione critica e fondamentale.

A nostro parere, non sarebbe una questione critica se il modo in cui le lingue e la questione linguistica sono percepite nella società attuale non dipendessero da un'opinione comune che oggi è indifendibile alla luce della filosofia e della scienza. Ravvivare questo dibattito ci sembra in linea con la vocazione dell'OEP.

L'identità è anche una questione cruciale dal punto di vista delle lingue e del plurilinguismo.

Molto lavoro in sociolinguistica non può avere successo se non è basato su una solida riflessione sull'identità individuale e collettiva, e su una riflessione parallela sulla relazione tra lingue e culture. Come l'identitarismo, l'essenzialismo linguistico è incompatibile con il plurilinguismo come obiettivo e conduce a un'impasse esistenziale. Tuttavia, l'approccio plurilingue permette di affrontare la questione dell'identità in modi che non sono possibili con il confinamento monolingue di cui soffrono oggi le nostre società.

Viviamo in un periodo molto particolare in cui la questione dell'identità si generalizza su scala globale in forme talvolta estreme e in cui l'unica identità che rimane in gran parte impensata è quella europea. Un posto significativo deve quindi essere riservato a una riflessione sull'identità europea, sulla cultura e le culture europee.

Ci sono molte questioni delicate nell'educazione.

Eccone alcuni.

La prima domanda, raramente affrontata, è se la lingua ha un posto nell'educazione. Impariamo il francese in Francia, che è il minimo che possiamo fare, impariamo anche due o anche tre lingue straniere, possiamo anche imparare il latino e il greco antico come opzione, ma la lingua come fatto linguistico è fuori dall'ambito dell'educazione. In passato, quando il latino veniva insegnato in maniera più sviluppata, poteva dare origine a una conoscenza metalinguistica che poteva essere reinvestita nell'acquisizione del francese e delle lingue moderne, ed era un elemento importante della cultura generale. La domanda merita di essere posta.

Ci si può giustamente allarmare per il fatto che l'apprendimento della lingua madre e della lingua dell'educazione ha perso la sua importanza e ha visto diminuire il suo livello, il che sembra oggi un'osservazione che non è più contestata. Ma dobbiamo anche interrogarci sul contenuto dell'insegnamento delle lingue. Lavorare sul significato è essenziale e deve essere una dimensione dell'educazione plurilingue e interculturale. Basti pensare a parole cariche di passione come "schiavitù", "secolarismo", "verità". Siamo sicuri che abbiano lo stesso significato da una lingua all'altra, da una cultura all'altra, e persino all'interno della stessa lingua?

Altre domande sono importanti ma rimangono senza risposta. Nessun governo europeo, e ancor meno la Commissione europea, condannata a un vicolo cieco, li sta assumendo.

L'abbassamento dell'età d'insegnamento delle lingue sembra aver ricevuto il sostegno unanime dei governi. Ma alcuni hanno tratto la conclusione che l'insegnamento delle lingue può essere interrotto o ridotto dopo la scuola secondaria, il che di fatto ci allontana dagli obiettivi del vertice di Barcellona del 2002.

Cosa si fa nell'istruzione superiore?

Nel mondo degli affari, un minimo di padronanza dell'inglese è una condizione per l'assunzione anche nelle posizioni più basse. Ma l'inglese non basta. Per noi può essere ovvio, ma c'è un abisso con lo stato dell'opinione pubblica.

Possiamo anche cambiare il nostro approccio ed esplorare le popolazioni che sono più esposte ai problemi linguistici.

Qual è l'impatto sociale, economico e politico, in termini di disuguaglianze e di buon funzionamento della democrazia, dell'analfabetismo o dell'alfabetizzazione? La coesione sociale e la capacità di cambiamento di una società sono direttamente in gioco.

Come le zone di frattura o di innovazione, alcune popolazioni sono più esposte di altre ai problemi linguistici.
Ci sono quindi aree e parti della società dove i problemi linguistici sono acuti e dove ci si aspettano risposte sia in termini di competenza che di proprietà collettiva. Ci sono molte aree di questo tipo e lo scopo di questo invito è di identificarle, sottolineare quelle in cui mancano i dati, quelle in cui rimangono molte incertezze, dove le nostre conoscenze sono insufficienti, quelle in cui manca la volontà politica, ecc.

In effetti, il linguaggio è la base di tutto, ma pochi ne sono consapevoli.

Dobbiamo analizzare e poi costruire, e continuare a costruire.

Questo call for papers si rivolge principalmente ai ricercatori, ma anche alla società civile e al mondo culturale e artistico.

È importante sottolineare la caratteristica della conferenza, che è quella di collegare il lavoro di ricerca con la società civile e i decisori. Questa specificità porta a dare ai partenariati un'importanza particolare e la sua materializzazione è la produzione di conclusioni che possono prendere la forma di una dichiarazione che impegna tutti i partner.

Inoltre, le Assise hanno sempre legato il lavoro sulla diversità linguistica e culturale all'espressione artistica e letteraria, semplicemente perché l'espressione artistica mira sempre a una visione singolare dell'universale ed è in questo senso che esiste una relazione intima tra l'aspirazione al plurilinguismo e l'espressione artistica. Picasso disse: "Se ci fosse una sola verità, non si potrebbero dipingere cento quadri sullo stesso tema". Questo potrebbe essere il nostro motto. Chiaramente, questa chiamata è aperta, e se le modalità pratiche qui di seguito riguardano essenzialmente le comunicazioni orali e scritte previste, per le forme artistiche, siamo obbligati ad adattarci, per quanto possibile, ai progetti che ci potrebbero essere presentati.

 

Praticità

 

Date: 9-12 novembre 2022

Sedi: Università di Cadice, Università di Cadice

Indirizzo: Universidad de Càdiz

Centro Culturale Reina Sofía

C/ Paseo Carlos III, nº 9

11003, Cadice

CÁDIZ
Rispondete a questo appello sul sito web dedicato (in cinque lingue):

https://assises.observatoireplurilinguisme.eu/it/home-3

Informazioni pratiche

Le presentazioni orali saranno limitate a 15 minuti. Saranno possibili presentazioni sotto forma di slide show.

Gli abstract delle proposte (massimo mezza pagina o 2000 caratteri spazi inclusi) devono essere presentati sulla piattaforma prima del 30 aprile 2022.

Questi abstracts saranno utilizzati per la selezione delle candidature e per la pubblicazione delle pre-proposte nel file del partecipante.

I testi per la pubblicazione saranno prodotti entro un mese dall'evento e presentati sul sito web dedicato utilizzando il modello di articolo che può essere scaricato dal sito web.

Catering: non fornito

Alloggio: non fornito

Tasse di registrazione (relatori e partecipanti)

- Registrazione online richiesta (dal 5 giugno)

 

Fino al 15 settembre 2022

Dopo il 15 settembre 2022

Altoparlanti

135

170

Partecipanti, accompagnatori

70

100

Studenti

35

60

Master e dottorandi dell'Università di Cadice

Gratuito fino a quando ci sono posti disponibili

Gratuito fino a quando ci sono posti disponibili

I relatori sono invitati a registrarsi nell'elenco dei ricercatori e dei gruppi di ricerca sul plurilinguismo e la diversità linguistica e culturale istituito dall'OEP, la rete POCLANDE e ACAREF (https://annuaire.observatoireplurilinguisme.eu/)

Atti

Il file del partecipante includerà i pre-atti con gli abstract dei lavori.

Gli atti saranno disponibili sul sito web dell'OEP in versione digitale e cartacea, a seconda della scadenza per la presentazione dei documenti da parte dei relatori.

Date chiave

Scadenza per le proposte di carta: 30 aprile 2022

Notifiche: 31 maggio 2022

Inizio della registrazione: 5 giugno 2022

Pubblicazione del pre-programma: 30 settembre 2022

Scadenza per la presentazione dei documenti completi: 31 dicembre 2022, massimo 10 pagine A5 o 20.000 caratteri spazi inclusi. (vedi modello online)


Regime linguistico

Lingue della conferenza: francese, spagnolo, tedesco, inglese, italiano.

Le sessioni plenarie saranno interpretate in francese, spagnolo e inglese.

Si raccomanda vivamente che, nel caso di presentazioni di diapositive, queste siano in una lingua diversa da quella usata per le presentazioni orali.

Norme di pubblicazione: sezione specifica sul sito web della conferenza

 

Partner co-organizzatori

O.E.P.

Università di Cadice

 

Comitato organizzativo

José Carlos Herreras, Università di Parigi

Anne Bui, Osservatorio europeo del plurilinguismo

Christos Clairis, Università di Parigi Descartes

Christian Tremblay, Osservatorio europeo per il multilinguismo

José María García Martín, Università de Cadice

Nuria Campos Carrasco, Università di Cadice

Maryia Maiseyenka, Università di Cadice

Benito Gutiérrez, Università di Cadice

 

Comitato scientifico

Pedro Álvarez de Miranda, Université Autonome de Madrid / Real Academia Española

Olga Anokhina, CNRS

Jean-Claude Beacco, Université Sorbonne Nouvelle

Christos Clairis, Université Paris Descartes

Jean-Marc Delagneau, Université du Havre

Jörg Eschenauer, Ecole des Ponts-ParisTech, UPLEGESS

Pierre Frath, Université de Reims

José María García Martín, Université de Cadix

José Carlos Herreras, Université de Paris

José María Maestre Maestre, Université de Cadix

Isabelle Mordellet-Roggenbuck, Université de Freiburg

Julio Pérez Serrano, Université de Cadix

François Rastier, CNRS

Heinz Wismann, EHESS

 

Grafica

Su una vetrata del pittore Pierre Zanzucchi

*** Tradotto con www.DeepL.com/translator (versione gratuita) ***

In alto